Jurassic World secondo un amante di Jurassic Park - Born to dream

giovedì 18 giugno 2015

Jurassic World secondo un amante di Jurassic Park


Jurassic Park, il primo, è stata forse la mia prima esperienza cinematografica. La videocassetta l'ho divorata, so a memoria ogni scena, ogni dettaglio, ogni battuta. Forse il film che ho visto più volte di tutti. Credo sia a causa sua che ad un certo punto della mia vita, prima alle elementari, sognavo di fare il paleontologo, e molti anni dopo, ora, il regista. Il film di Spielberg mi aveva stregato e lo fa ancora oggi. Un gioiello, un capolavoro. Era il 1993 cazzo. Guardate cos'ha creato Spielberg. Per citare Ian Malcom: "L'hai fatto. Brutto figlio di puttana". E mi piace anche il secondo, Il Mondo Perduto, sì. Ripensandoci è pieno zeppo di roba assurda e tamarrate, e forse per questo a molti non piace, ma io sono così, sono legato a quei due film. Troppo. Per ciò, prima di questo Jurassic World non ero né preoccupato né ansioso o eccitato. So che posto ricoprono i primi due capitoli nel mio cuore, quindi ero cosciente del fatto che era meglio non avere tante pretese. E infatti. 

Preso per ciò che effettivamente è, ovvero un blockbusterone di quelli potenti, Jurassic World si fa anche guardare, ovviamente con qualche riserva. Per il resto niente di che. Intrattiene, questo sì. I bambini impazziranno ok, ma poi basta. Il film nasce e muore lì in quelle due orette. Sinceramente uscito dalla sala non ero per niente eccitato, e io sono uno di quelli che si eccita e si gasa per molto meno al cinema. Ripensandoci, non ho visto nessuna scena chissà quanto epica (magari lo scontro finale tra Indominus e T-Rex o forse la fuga iniziale dell'ibrido), o frase epica, come ce n'era a bizzeffe nel primo film. In questo capitolo c'è stata un'azione forsennata dall'inizio alla fine. 15 minuti di calma e felicità e poi BOOM!, si parte con tutto il casino, senza pause, senza un attimo per rifiatare, e la suspense va a farsi benedire. Poi a me il primo film sembra molto più reale di questo qua. E cavolo, sono passati più di 20 ANNI. 20. E milioni di dollari in più. Mah. Come ho letto da qualche parte, tutto ciò che c'è dentro il film sembra fare da contorno ai dinosauri. Sì. Loro sono l'attrazione del parco e del film, tutto il resto sembra messo lì così tanto per, soprattutto i personaggi, perché i personaggi in questo film stanno proprio a zero. Un Ian Malcolm vale quanto tutti i protagonisti di Jurassic World. E i due ragazzini, porca miseria.. sarà anche stato il doppiaggio che li rendeva ancora più odiosi, ma io ho sperato fino all'ultimo venissero sbranati. Insopportabili. Per non parlare dei dialoghi da denuncia, soprattutto le battute finali tra Owen e Clire. Mamma mia. 

Vedete, ho citato il primo Jurassic Park tante, troppe volte, e lo fa pure Jurassic World, strizzando l'occhio ai veri fan della saga, quasi per fargli stare buoni e tranquilli ancora per un po'. Il paragone tra i film non va assolutamente fatto, essendo due cose diverse, ma è inevitabile, specie se il primo film lo si ama alla follia. Questo fatto gioca un ruolo fondamentale nella visione di Jurassic Wolrd.
Quindi ripeto, non è un film da buttare ma va preso per ciò che è e per quello che sono i suoi obiettivi: intrattenere, intrattenere e fare soldi. 
Ma la magia, e ripeto LA MAGIA, la poesia, la fotografia umida per il clima tropicale, i personaggi mitici, le scene epiche che non si contano, la musica, le lacrime che versavo da bambino sui titoli di coda, rendono il primo Jurassic Park una pietra miliare, un passaggio fondamentale della mia infanzia, distanze anni luce da questo Jurassic World.

Ad esempio, questa scena vale quanto tutto Jurassic World --> https://www.youtube.com/watch?v=v5Co3A3fLBo


Nessun commento:

@templatesyard