GONE GIRL: No alla violenza sugli uomini! - Born to dream

domenica 11 gennaio 2015

GONE GIRL: No alla violenza sugli uomini!


David Fincher si conferma un regista che non sbaglia mai un colpo, e confeziona questo GONE GIRL, un thriller/drama che per 2 ore e mezza tiene incollati alla poltrona senza mai stancare. Un film glaciale, a tratti molto freddo, come se Fincher si ponesse lì davanti alle vicende in modo oggettivo senza parteggiare per nessuna delle parti; che racconta sì la storia di un’indagine di polizia volta a ritrovare la scomparsa Amy, ma che si sofferma principalmente sul racconto di un matrimonio coi suoi pro e contro. (Non si può dire troppo per non spoilerare).
Un thriller che può sembrare all’apparenza normale, ma per l’argomento che tratta, e il modo in cui lo fa, e per i vari capovolgimenti di fronte, è una vera perla del genere, e ti resta in testa. Se aggiungiamo poi che riesce anche a sdrammatizzare il tono in più punti non può che far piacere. 
La sceneggiatura è impeccabile, e anche se alla fine mi chiedevo se quella lunghezza fosse proprio necessaria, ripensandoci mi son risposto di sì, perché non poteva finire prima o dopo, soprattutto per arrivare a QUEL finale che ti scuote un po’ dentro e ti lascia sospeso per qualche secondo nelle tue paranoie. Struttura evidente ben divisa in tre parti ognuna diversa dall’altra, con uno spiegone a metà film che non dà alcun fastidio perché è di una bellezza e figaggine disarmante.
Il merito va anche alla protagonista, Rosamund Pike, che, non posso dire nient’altro, è PERFETTA. Ben Affleck è espressivo quanto un albero di cosso ma vabbè, fa la sua sporca figura e ci può stare. 
Nota positiva anche per la sorella di Ben nel film, Margo, personaggio simpatico che porta un velo di ironia.



Nessun commento:

@templatesyard